a___J. Ph. Hackert, 1777, British Museum 01__

La baia di Naxos, la valle dell’Alcantara e l’Etna viste da Taormina. J. Ph. Hackert, 1777, British Museum.

Chi siamo: il Circolo di Legambiente di Taormina, Giardini Naxos e dei comuni della Valle dell’Alcantara

Siamo dei volontari che credono nel valore  dei piccoli gesti quotidiani ma anche delle grandi visioni di futuro e specialmente nell’importanza della cooperazione per tentare di difendere il territorio da speculazioni, degrado, incuria, corruzione ed ignoranza che rischiano di deturparlo irrimediabilmente. Vorremmo che questo blog diventi un luogo vivo dove tutti gli abitanti del nostro comprensorio pubblichino proposte, denunce, progetti e sogni.  Per ricordarci che questo nostro meraviglioso e seviziato territorio  dipende da tutti noi. Che ci è stato concesso l’enorme privilegio di viverci, e dunque di esserne i custodi, insieme alla responsabilità di salvaguardarlo  per le prossime generazioni.

«««ª©ªªª«ª«ª©©

Entrata della sede del Circolo Taormina/Alcantara, presso l’Hotel Palladio in Corso Umberto I, n. 470, a Giardini Naxos. 98035, ME. tel 0942 52267 cell 338 9833655, e-mail: [email protected] https://www.facebook.com/legambientetaorminaalcantara/

Il Circolo opera nel comprensorio di Taormina, Giardini Naxos e dei comuni della Valle dell’Alcantara che condividono un territorio straordinario.  Un territorio caratterizzato da una eccezionale densità di tesori archeologici e meraviglie naturali e da un paesaggio unico. Fra i più noti e celebrati  e, al tempo stesso, fra i più aggrediti della Sicilia. Ambiente e monumenti, storia e futuro dei centri abitati dove opera il Circolo Taormina/Alcantara sono tra loro così profondamente connessi, interdipendenti e complementari, da potersi considerare quelli di una sola, grande città. La grande città  di cui facevano parte dall’origine della loro storia, iniziata a Naxos nell’VIII secolo a.C., quando i greci fondarono nella baia la loro prima colonia in Sicilia, e  che si  divise, come entità amministrativa, in più comuni solo dopo 2600 anni, a metà del 1800. Anche oggi è come un’unica città che questi comuni dovrebbero difendere  il  loro prezioso territorio e promuoverne un autentico sviluppo sostenibile. Ma questo è possibile solo con la salvaguardia della sua integrità paesaggistica, monumentale e storica. Attraverso una vera cooperazione tra le amministrazioni e i cittadini. E con la formazione di una comunità civile, consapevole e fiera del proprio passato  e del proprio patrimonio comune.

E ora, in questo grave momento di crisi, l’autocoscienza storica e la difesa ambientale diventano ancora più indispensabili, anche in una lungimirante visione di crescita economica. Specialmente per un territorio che nel turismo trova la sua più grande risorsa. Poiché siamo in tempi in cui l’economia turistica sta attraversando con Internet la sua, forse, più profonda rivoluzione.  In Italia, e in particolar modo al sud, però questo radicale cambiamento è ancora largamente mal compreso e sottovalutato. E si continua ad ignorare che il turismo culturale e quello ecosostenibile rappresentano le tendenze del futuro divenendo, da marginali segmenti di nicchia, le nuove forze trainanti del settore.

I contenuti del Blog del Circolo Taormina/Alcantara di Legambiente.

Dunque in queste pagine  c’è la storia del lavoro svolto dal nostro Circolo negli ultimi anni e i materiali che abbiamo raccolto per le nostre battaglie, una grande mole di documenti che può servire anche per le prossime battaglie. Ci sono le Campagne nazionali di Legambiente a cui abbiamo partecipato a Taormina, Giardini Naxos e nei comuni della Valle dell’Alcantara. Nella sezione eventi troverete i convegni, i seminari, le marce, i flashmob, le visite guidate, le feste e le gite che abbiamo organizzato da soli o insieme a Legambiente Sicilia. Nella sezione donazioni e sponsorizzazioni vi sono i giardini, i restauri, i musei, le campagne di scavi archeologici e il festival internazionale per i quali abbiamo trovato i fondi e alla cui creazione o organizzazione abbiamo collaborato. Nella sezione battaglie sono raccolti  attività e documenti delle  lotte per salvaguardare o valorizzare i nostri beni comuni: esposti,  dossier,  conferenze e comunicati  stampa sul nostro patrimonio paesaggistico, ambientale o storico/artistico. Ed infine i video (nostri o dei telegiornali) e gli articoli  che testimoniano (in maniera più o meno fedele)  le nostre azioni.

Legambiente Sicilia

Dall’Etna alla Valle dei Templi, da Lampedusa all’arcipelago delle Eolie, Legambiente Sicilia è oggi l’associazione ambientalista più diffusa sul nostro territorio.

Ispirata ai grandi valori di tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, del territorio e del paesaggio, della storia, dell’arte e della cultura e ai principi di democrazia, libertà, solidarietà, giustizia e coesione sociale, l’associazione, senza fini di lucro, apartitica, pacifista e non violenta, è aperta ai cittadini di tutte le convinzioni politiche e religiose che possono aderirvi entrando a far parte di uno degli oltre 40 circoli distribuiti in tutte le provincie della Sicilia.

Nel panorama ambientalista regionale, Legambiente Sicilia con i suoi circoli di volontariato è una delle organizzazioni più attive e conosciute per le campagne di analisi, denuncia e informazione che costantemente fotografano lo stato di salute del mare, dei fiumi, delle aree protette e delle città.

Da Salvalarte Sicilia, storica campagna di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale dell’isola e dei piccoli comuni a Cambio di clima, programma di azioni contro i mutamenti climatici e a favore del risparmio energetico e delle fonti alternative e rinnovabili l’associazione affronta quotidianamente problemi locali e globali, in una prospettiva di modernità fondata sugli interessi generali e sull’uso sostenibile delle risorse.