Crea sito

Legambiente: richiesta certificazioni antisismiche edifici scolastici Taormina/Valle dell’Alcantara

Scuole-sicure

Oggetto: richiesta certificazioni antisismiche edifici scolastici
In accordo con la campagna di Legambiente “Scuole sicure”, il Circolo Legambiente Taormina/Valle Alcantara richiede, per creare un archivio dedicato agli edifici scolastici presenti nel territorio di Taormina/Valle dell’Alcantara, da rendere pubblico anche attraverso il proprio blog (legambientetaormina.altervista.org), i certificati antisismici, lo stato attuale degli edifici scolastici, i bandi ai quali il comune partecipa, al fine di migliorare lo stato attuale degli edifici scolastici sia sotto il profilo della struttura edilizia, sia sotto il profilo della compatibilità con il risparmio energetico richiesto agli edifici pubblici
In attesa dei dati richiesti
cordiali saluti
Annamaria Noessing
Presidente
Circolo Legambiente Taormina/Alcantara
Inviato il 11/12/2017: Al Comune di Taormina, Ufficio tecnico, Sindaco [email protected], Al Comune di Giardini Naxos, ufficio tecnico [email protected], [email protected], Sindaco Al Comune di Gaggi, ufficio tecnico Sindaco [email protected], Al Comune di Francavilla di Sicilia, ufficio tecnico Sindaco
[email protected], Al Comune di Castiglione di Sicilia ufficio tecnico Sindaco [email protected], Al Comune di Randazzo ufficio tecnico Sindaco
[email protected]

Il XVIII Ecosistema Scuola di Legambiente, presentato a Roma nel corso del secondo Forum Scuola Innova, fa il punto sulla sicurezza degli edifici scolastici italiani e punta il dito contro le mancate promesse dell’anagrafe scolastica – fondamentale per pianificare risorse ed interventi – che risulta ancora incompleta e imprecisa, incapace di dare informazioni utili per una messa in sicurezza degli edifici che ospitano ogni giorno studenti e personale scolastico, nonostante un territorio fragile e la mancanza di manutenzione diffusa.
In sintesi, oltre il 41% degli edifici scolastici (pari a 15.055) si trova in zona sismica 1 e 2, cioè a rischio di terremoti fortissimi o forti; il 43% di questi risale a prima del 1976, e cioè a prima dell’entrata in vigore della normativa antisismica; solo il 12,3% delle scuole presenti in queste aree risulta progettato o adeguato successivamente alle tecniche di costruzione antisismica. In quattro anni finanziati 992 progetti tra interventi per adeguamento sismico e nuovi edifici, di cui solo 532, pari al 3,5% del totale, in aree a rischio elevato. Di questo passo occorreranno altri 113 anni per mettere in sicurezza le scuole nelle aree più fragili del Paese.
Nello studio anche dieci scuole virtuose e innovative che indicano la strada per una nuova cultura scolastica.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.